A TESTA IN GIÙ sul podio al Concorso “Come le foglie”

La mia poesia A TESTA IN GIÙ premiata alla II edizione del Concorso di Poesia COME LE FOGLIE🍃🌺

A TESTA IN GIÙ
Hai mai provato a guardare il mondo
a testa in giú?
Io ho osservato la gente a testa in giú
volti sconvolti
pensieri fugati.
E col cuore a testa in giú
ho ammirato i colori di intramontabili tramonti
Ed é lí che, in un istante eterno, ho incontrato i tuoi occhi

A testa in giú
mi hai sfiorato i pensieri
ricamandomi la pelle di brividi
Ed io, assorbito dal tuo sguardo,
come in una voragine,
ho guardato nel profondo
e ho baciato il mondo che hai dentro.
Insieme, mano nella mano,
a testa in giú
appesi
sospesi
fluttuanti
abbiamo scolpito la notte
e ritagliato le stelle.

A testa in giú
si libera l’anima
e si fugge dal male…

Io e te
a testa in giú

Marinella Tumino@

Sul podio…

Chiudo in bellezza e con la bellezza quest’estate🥂
Sul podio al concorso COME LE FOGLIE indetto dall’UNITRE di Santa Croce Camerina.
Premiata dal Sindaco dott.Giovanni Barone.
Grazie a tutti i membri della Giuria, alla presidentessa dell’Unitre Maria Rosa Vitale.
Grazie alle vecchie e nuove connessioni umane, un insostituibile patrimonio di emozioni🌺

Grazie a OPERAINCERTA EDITORE🌹

ONORE AL MERITO
Un altro riconoscimento si aggiunge al merito della nostra autrice Marinella Tumino che ha ritirato a Napoli il suo oscar e menzione per alto merito culturale con il libro: L’URLO DEL DANUBIO conferitole dal Premio internazionale GOLDEN BOOKS AWARDS 2020.
Operaincerta è onorata di aver contribuito alla diffusione di una testimonianza letteraria per non dimenticare l’Olocausto e le vittime della follia nazista.

operaincertaeditore #lurlodeldanubio #marinellatumino #premiointernazionalegoldenbooksawards2020 #GoldenBooksAwards

Ho fatto il bis🥂

HO FATTO IL BIS🏆
Oggi mi è arrivato l’attestato del Premio BOOKS FOR PEACE 2020 alla cui premiazione ho dovuto rinunciare dato che si teneva sempre sabato 12/9 a Roma mentre io ero a Napoli per ritirare l’Oscar del GOLDEN BOOKS AWARDS.
Una splendida sorpresa!
Sono davvero orgogliosa del mio figlio di carta L’URLO DEL DANUBIO📖📚che mi sta regalando infinite emozioni e soddisfazioni!

#Operaincertaeditore #Booksforpeace2020 #lurlodeldanubio

Vedi Napoli e poi…vivi!

Stregata ancora una volta dal fascino di Napoli con il suo enorme patrimonio storico, artistico, culturale e culinario!
Percorrere il centro storico è una vera e propria passeggiata nella storia, mentre si gusta una sfogliatella riccia o la pizza a portafoglio…Entrare nel reticolato dei Quartieri Spagnoli, cuore pulsante di Napoli, che da secoli fiancheggiano la sempre viva e affollata via Toledo, che fa da confine tra due spazi della città con una conformazione e una storia in contrapposizione: da una parte si ha il lusso della Galleria Umberto I, il Teatro San Carlo, il palazzo reale, le ampie strade di origine fascista e, dall’altro, un intricato e squadrato reticolo di vie, un po’ buie data la vicinanza e la dimensione dei palazzi, che è come una città nella città ma che di notte si accende di vita con i suoi localini e la movida. Un’area quasi immutata nel tempo, che racconta uno degli aspetti più veraci di Napoli….
E poi c’è la magica Napoli sotterranea che vanta una storia ultra millenaria col suo teatro romano, l’acquedotto, il rifugio durante la II Guerra Mondiale…
E mentre ripercorro ogni angolo di questa poliedrica città, da qui, dall’alto del Vomero, posso abbracciarla poeticamente tutta col suo golfo, il possente Vesuvio, i suoi monumenti e le sue piazze gustando appieno la sua impareggiabile bellezza…
Grazie Napoli per le caleidoscopiche e indimenticabili emozioni che mi hai regalato😍

Menzione ALTO MERITO CULTURALE “GOLDEN BOOKS AWARDS 2020” per L’URLO DEL DANUBIO

La magia di un pomeriggio all’insegna della BELLEZZA in tutte le sue sfumature🌺

È con gioia e immenso piacere che voglio ringraziare l’Accademia degli Artisti (con tutti i giurati e gli organizzatori dell’evento, Carmela Russo e Rita De Rosa che hanno magistralmente curato il tutto in una location davvero suggestiva: Sala Positano presso Starshotel Terminus).


Grazie a Fabrizio Caramagna, scrittore Mondadori, prezioso autore di aforismi, che mi ha premiata e fatto dono di una bellissima dedica sul suo ultimo libro SE MI GUARDI ESISTO.


Grazie a Napoli che durante questo soggiorno mi ha per l’ennesima volta incantata.


La vita è troppo breve per non essere vissuta fino in fondo, istante dopo istante…😍

momentidigloria #momentifelici

COME UN RESPIRO di Ferzan Ozpetek: la mia recensione

COME UN RESPIRO di Ferzan Ozpetek: la mia recensione

Ferzan Ozpetek, un regista che ho sempre stimato, mi si è presentato, proprio in questi ultimi giorni, anche come autore e così, per la prima volta, ho letto un suo romanzo: Come un respiro, Mondadori editore. Il suo modo di narrare è magico: si tratta di una scrittura fluida, vigorosa, ricca di emozioni.  Ferzan illustra con passi poetici Istanbul, cosa che ho molto apprezzato non solo per quanto concerne le descrizioni ma anche per quanto riguarda determinate emozioni che è possibile vivere mentre si percorrono le vie e i quartieri della città turca che io amo particolarmente (Ho trovato, infatti, parecchie analogie con il mio romanzo “OLTRE IL CIELO DI ISTANBUL, Il Seme Bianco Editore 2019). Ozpetek fa assaporare gli odori e i sapori di una Istanbul sorprendente, fa intravedere le luci e le ombre di amori struggenti o amori avvinti, di ieri e di oggi, con tutte le loro complicazioni, con un ritmo incalzante tanto da travolgere il lettore che si ritrova col fiato sospeso, mentre aspetta che qualcosa stia per essere rivelato o stia per accadere.

La storia, apparentemente molto semplice e lineare, che nasconde segreti e passioni mai sopite, si svolge tra Roma e Istanbul, tra gli Anni Sessanta e un presente in cui la vita è sospesa e piena di colpi di scena, un presente che incombe e riapre domande e ferite. Un racconto con costanti cambi temporali che portano dal presente al passato in modo coinvolgente senza concedere tregua in una storia che incanta.

Due sorelle, Elsa e Adele, si sono separate cinquant’anni prima per una circostanza misteriosa che ha poi condizionato le loro vite. Il racconto si dipana tra i ricordi di Adele e le lettere che la sorella Elsa le ha scritto durante il suo soggiorno a Istanbul, nell’arco di 50 anni.

Un alternarsi di ricordi custoditi in lettere e il presente vissuto da un gruppo di 6 amici, spettatori quasi inconsapevoli degli eventi; è proprio nelle lettere che viene ostentata la magnificenza di Istanbul (descritta con passione da Elsa che la reputa sensuale, affascinante e imprevedibile), le atmosfere magiche che si respirano, la vita agiata che Elsa si trova a vivere cominciando la sua rinascita, grazie al suo fascino e alle sue capacità imprenditoriali.  

“Certi posti hanno la capacità di trattenere le emozioni, proprio come fa un essere umano con il respiro”.

Il libro ha inizio proprio da una delle tante lettere che Elsa ha scritto alla sorella, per ritrovare il loro rapporto unico, raccontare segreti, parole non dette ma scritte con passione. E mentre il racconto procede, l’autore ci presenta i co- protagonisti (Sergio, Giovanna, Leonardo e Annamaria, Giulio ed Elena), i sei amici che in realtà avrebbero dovuto condividere un pranzo a casa di una delle coppie, abitata un tempo dalle due sorelle, nel quartiere Testaccio di Roma, durante una domenica come tante, ma che si ritrovano coinvolti in una storia avvincente piena di segreti inconfessabili. L’autore ci presenta i vari personaggi che sono uguali a quelli che potremmo incontrare nella nostra quotidianità, con le loro fragilità, i loro dubbi ma anche i loro segreti. Questi si ritrovano travolti nella storia delle due sorelle che in passato hanno vissuto una relazione simbiotica che si è poi tramutata in distanza smisurata e poi, ancora, in silenzio profondo. Ed è proprio con le lettere che Elsa Corti si presenta nella sua vecchia casa, coinvolgendo le persone che la abitano e i loro amici e rievocando immagini di passioni, di silenzi e di traumi che l’hanno costretta a fuggire da Roma e trasferirsi in Turchia. La storia dunque si svolge tra incontri, speranze, nostalgie e delusioni. Un ginepraio di sentimenti in cui ogni personaggio del romanzo si trova aggrovigliato.

Protagonista assoluto del racconto è l’amore, scandagliato in tutte le sue sfumature, snocciolato in tutte le sue infinite declinazioni che, talvolta, diventa impossibile e scombina le nostre vite in cambio di momenti e istanti incancellabili, mentre altre volte ci rende più forti.

Questa infinità di sentimenti intrecciati in modo avvincente va ad aumentare in un climax crescente che raggiunge l’apice proprio nel momento del finale a sorpresa, finale che, appunto, sbalordisce, ma che consente di tirare le fila della storia e comprendere che tutto non è come appare.