Parlando di DONNE con SE il Prefetto di Ragusa

1 febbraio 1945, in Italia viene introdotto il suffragio universale. Per la prima volta viene dato diritto di voto alle DONNE su proposta di Palmiro Togliatti e Alcide De Gasperi.
Fu solo un anno più tardi che le donne ebbero la possibilità di essere anche elette, oltre che eleggere. La prima occasione di voto sono state le elezioni amministrative fra il marzo e l’aprile del 1946 e, subito dopo, il 2 giugno 1946.

Ed é di DONNE, DONNE in tutte le declinazioni… che oggi abbiamo parlato con S.E.il Prefetto di Ragusa, Maria Carmela Librizzi che mi ha piacevolmente ospitato nel suo studio….
Ed io non potevo che farle dono della mia creatura, TRAME D’INCHIOSTRO-RACCONTI E OLTRE, Kimerik Edizioni.
#Donne #LibriEcultura #Prefetto

IL GIORNO DELLA MEMORIA…

Il Giorno della Memoria non è solo il 27 gennaio, come ci ricorda la Legge 20 luglio 2000 n. 211, ma sempre!….Dunque, ricordiamoci di guerre assurde senza senso, di forni accesi pronti a uccidere anime innocenti. Ricordiamoci di grida silenziose, di quell’indifferenza al dolore, di chi è stato vittima ingiustamente. Ricordiamo quanto l’uomo sia capace di diventare disumano, infame e amorale e dell’atrocità di ogni assurdo gesto compiuto.
Oggi, domani e SEMPRE ricordiamoci dei fatti, di quegli orrori compiuti, di chi non c’è più.
NE PLUS JAMAIS!….MAI PIU’!

Foto: Auschwitz 1
Febbraio 2011

I miei versi su un SEGNALIBRO

Sono davvero emozionata!!!
In occasione della celebrazione della GIORNATA DELLA MEMORIA, i miei versi VIAGGIO AI CONFINI DELL’ANIMA sono stati scelti dal Prefetto S.E. Dott.ssa Maria Carmela Librizzi, coadiuvata dalla Dott.ssa Gianna Licitra, per realizzare un segnalibro. Le immagini sono state create dagli studenti del Liceo Artistico “G.Ferraris” di Ragusa.
Il segnalibro verrà donato alle Autoritá presenti alla Commemorazione presso la Camera di Commercio di Ragusa.
Cosa posso dire??? SONO LUSINGATA❤

#GiornataDellaMemoria2017
#PerNonDimenticare
#ViaggioAiConfiiDellAnima

Trema

Trema.
Urla e borbotta imperterrita la terra
ondeggia, sussulta, oscilla con forza ed energia.
Eco di dolore e sfinimento.
Neve
Freddo e gelo nel corpo e nell’anima.
Lacrime di rabbia e spossatezza
minano corpo e mente.
Cuori cosparsi di sofferenza si chiedono “Perché?”
stillando lacrime di sangue
Ma ancora una volta si scava tra le macerie per riafferrare la speranza
Si riprende a guardare al futuro
perché il domani possa costellarsi di luce e gioia
perché domani si possa ricominciare a vivere

Marinella Tumino©

Foto web: Ammatrice, gennaio 2017