LA DANZA DELLE RONDINI (racconto finalista al Concorso “SCRITTORI SOTTO I RIFLETTORI”)

Gentile Autore,

La Sua opera è stata scelta tra le più belle del Premio Letterario Internazionale  “SCRITTORI SOTTO RIFLETTORI – 2020” e sarà pubblicata in antologia del concorso.

Sono stati registrati 887 autori partecipanti (italiani e stranieri).

La classifica finale sarà pubblicata intorno a 30 gennaio – 10 febbraio 2021.

La danza delle rondini

A tutti i bambini di Terezin

Primavera 1944. Nel cortile il sole splendeva sui rigagnoli della neve sciolta. Emma divertita batteva i piedi sui rivoli. Mamma più volte l’aveva sgridata perché si sarebbe tutta insudiciata, ma lei con i suoi 12 anni gioiva di quei brevi istanti. La mamma era una brava sarta e, appena arrivati nella nera Terezin, era stata destinata alla “sala delle cucitrici”. Peccato potesse incontrarla solo una volta a settimana! Le mancava tantissimo: le mancava il calore dei suoi abbracci, le parole di conforto, le fiabe lette prima di dormire mentre l’olio della lampada si consumava e la luce si affievoliva fino a spegnersi. Ora, di notte, le lacrime scendevano a fiotti irrigandole collo e petto, ricamando tutto il corpo di fremiti. Tra un singhiozzo e l’altro, pregava, pregava quel dio che percepiva sempre più distante e che si stava dimenticando di lei.

Quel tiepido pomeriggio, Emma aspettava impaziente il suo amico Jan che era stato nominato “porta messaggi”. In genere, andavano insieme nella scuola del ghetto. Ai ragazzi piaceva molto frequentare le lezioni perché coltivavano parecchie passioni come il canto, il disegno, la scrittura ed Emma, da quando era stata rinchiusa a Theresienstadt, avvertiva forte il bisogno di scrivere…

All’alba quel filo d’erba,

sopravvissuto alla notte buia,

mi dona speranza.

Dimentico fame, freddo e paura

E allora riprendo a sperare…a sognare!

Per la fanciulla scrivere era magia che le permetteva di fuggire da quel matto mondo e da quella vita in cui era stata catapultata.

Ogni settimana in classe realizzavano un giornalino per ragazzi, “Vedem”, su cui scrivevano poesie, dialoghi, sogni ma non ne dovevano parlare con nessuno.

“Sshhh! E’ un segreto!”, ricordava con complicità la signorina Mila.

Ogni venerdì lo leggevano e poi lo nascondevano sotto la trave in legno di un vecchio baule.

Quel pomeriggio Jan non si presentò, ma neanche nei giorni a seguire…

Emma chiese di lui ma nessuno sapeva, nessuno parlava. Corse in lacrime dalla signorina Mila che cercò di consolarla: “Sicuramente è stato inviato a svolgere una missione segreta e per questo non ci è dato sapere, ma vedrai che presto tornerà”, continuava ad accarezzarle i capelli per farla calmare.

Le mura di quella scuola custodivano la cultura che aveva la capacità di donare un equilibrio emotivo e di essere una vera arma, quella della “resistenza”.

Emma guardava fuori dalla finestra. La primavera stava regalando fiori dai colori inconsueti e un cielo azzurro oltre il quale lei posava il suo dolce sguardo cercando l’infinito, mentre gli uccelli gareggiavano festaioli…

Danzano nell’aria gli uccelli migratori.

Si posano curiosi, poi riprendono a volteggiare…

Amo le rondini

Vorrei peregrinare anch’io da una primavera all’altra

per andare via, lontano, oltremare

e gustare il sapore della libertà.

La libertà ha un sapore tutto suo e un prezzo molto alto…che solo pochi sopravvissuti alla Shoah hanno avuto la fortuna di gustare.

(Il disegno è una semplice bozza uscita dalla mia penna)

Facebooktwitterlinkedinmail

Dicembre

Nel nostro cuore convivono mondi dove bolle di attimi perfetti della nostra vita non scoppiano… vivono come anestetizzati.
Sono universi in cui continuano a esistere istanti di verità assoluta, fissati nel tempo, attimi vibranti ed eterni come i profumi dell’infanzia…

Facebooktwitterlinkedinmail

Attestato di RICONOSCIMENTO

G R A T I T U D I N E ♡Questo è ciò che provo e sento di condividere…Grazie per l’intensa esperienza umana e culturale e per Il dono prezioso delle nuove CONNESSIONI UMANE….Grazie per questo RICONOSCIMENTO per il quale non trovo parole adeguate…Grazie a CHI ha lavorato con immensa passione per l’evento e per quelli che presto realizzeremo….GRAZIE❣MUCHISÍMAS GRACIAS, Mexico🇲🇽

Facebooktwitterlinkedinmail

Sul blog di Massimo Fusai📚

Scrive Massimo Fusai sui social: “In questo 2020 difficile, ho avuto modo di parlare di molti romanzi. Alcuni, fra quelli presentatati nel mio blog, hanno guadagnato gli onori di importanti premi con le loro semplici forze e non è banale.
Ho deciso di rendere omaggio a questi lavori e ai riconoscimenti meritati che hanno raggiunto. In gamba per il futuro”.

Marinella Tumino
Lidia Del Gaudio
Cynthia Collu
Laura Caroniti

Clicca qui di seguito…

Facebooktwitterlinkedinmail

INCONTRI INTERNAZIONALI…

In un momento in cui viviamo sospesi tra ansie, paure e speranze, condivido con tutti VOI la mia GIOIA…Io, la mia scrittura e i miei libri saremo virtualmente(ovviamente!) a CIUDAD DE MEXICO con gli studenti del POLITÈCNICO NACIONAL .Un grazie speciale alla “Profesora muy especial” Graziella Puccia che mi ha coinvolta con la sua travolgente energia e il suo immenso entusiasmo in questo Progetto…sono davvero ONORATA! Grazie anche al Dipartimento dell’Area di Italiano e al Ministero degli Affari Esteri…Grazie, ancora e sempre, alla mia speciale e personale GRAPHIC Designer per il suo magistrale lavoro, Elisabetta Milone Giuca🌺

Facebooktwitterlinkedinmail

LA VITA DAVANTI A SÈ: la mia recensione.

Il film, disponibile sulla piattaforma digitale Netflix, con la regia di Edoardo Ponte racconta la storia di Madame Rosa (Sophia Loren), un’anziana ebrea, forte ma al contempo anche fragile, sopravvissuta all’orrore di Auschwitz, spesso colpita dai brutti ricordi del passato che fanno capolino ed ex prostituta che negli ultimi anni della sua vita per sopravvivere sceglie di ospitare e accudire nel suo piccolo appartamento alcuni bambini di giovani prostitute. Piuttosto refrattaria, accetta l’incarico del dottor Coen (Renato Carpentieri) di prendersi cura di un dodicenne piuttosto ribelle, Momò (interpretato dall’esordiente Ibrahima Gueye). Il ragazzino di origini senegalese è alle prese con la vita di strada vivendo nell’illegalità. Vivere a casa di Madame Rosa gli consentirà di fuggire dalla solitudine e di prendersi una pausa dalla rabbia, stillata dalla vita che purtroppo gli ha tolto tutto. I due sono diversi in tutto: età, etnia e religione e questo è il motivo per cui inizialmente il loro rapporto è segnato da scontri e conflitti.

 A volte, però, un incontro può rappresentare per una persona la salvezza, la liberazione ma anche il rifugio. Ed è quello che succede a Madame Rosa e Momò. Nel corso della storia, ciò che li lega fortemente è il dolore che li ha segnati immensamente, lasciando vuoti incolmabili e profonde cicatrici. I loro occhi raccontano le loro sofferenze e le fragilità: quando le loro vite si incontrano e si tramano inaspettatamente, capiscono che hanno in comune molto più di quello che avevano creduto. Così, la reticenza reciproca si trasforma in un’inaspettata e profonda amicizia.

Un’umanità, intrisa di solidarietà e tolleranza, priva di pregiudizi e dedita al prossimo pur non avendo nulla da offrire, insomma, un’umanità colma d’amore, rappresentata in modo del tutto poetico. Dunque, un’umanità commovente, che corre veloce tra sguardi che regalano tenerezza, silenzi e profonde emozioni, regalando al telespettatore l’immagine della speranza e della fiducia nel domani.

Un cast superlativo con una Loren che non delude mai, anzi!

Da vedere, assolutamente!

Facebooktwitterlinkedinmail