Eravamo tasselli di uno stesso puzzle

Eravamo tasselli di uno stesso puzzle…incastri perfetti che combaciavano e si univano, si adattavano l’uno all’altra…
Eravamo gli opposti, yin e yang.
Fuoco e ghiaccio, ardore e freddezza che sorprendentemente coesistevano …senza distruggersi a vicenda.
Era l’ulteriore prova di quanto ci appartenessimo…io e te…

Marinella Tumino@

Evviva l’AMORE

Evviva l’AMORE…che ti fa passeggiare in punta di piedi tra ombre e luci, tra sogni e realtà…l’Amore che ti fa trepidare, sussultare, ridere a crepapelle, piangere lacrime amare…
Auguri all’Amore che profuma di delicata follia, di fragranze impazzite di passione, di frasi non dette, poesie sussurrate…
Viva l’Amore che ha indubbie certezze, è equilibrio precario, sintesi di gioia e dolore, è semplicità ma anche intricato tortuoso sentiero di un labirinto
Auguri all’Amore che riempie o svuota il cuore a suo piacimento, auguri a chi prova emozioni rimanendo senza fiato….
Auguri a chi ama rispettando la libertà dell’altro, a chi non cerca la perfezione
Auguri all’amore che ti bacia l’anima e si insinua in essa per trovare dimora…
Auguri a chi con coraggio cede all’amore e ai suoi confini illimitati…
Auguri a chi spera di vincere tutto rischiando di perderlo …a chi scrive su pezzi di cuore concependo polvere di vita…
Auguri all’AMORE❤

La melodia di un canto lontano

Sentiva il bisogno di essere avvolta in un abbraccio, allora lo attiró a sè e gli si attaccó al collo, cercando senza indugio le labbra per sentire il sapore e la passione dei suoi baci.
Travolti da tali effusioni era come sentire la melodia di un canto lontano che pian piano si avvicinava e poi prorompeva, lambendo anima e corpo…
Marinella Tumino@

Resta

Resta
Sussurarmi i tuoi silenzi…
Rimani per ricordarmi di noi.
Sorprendimi con struggenti carezze…
Posso cantarti poesie nostalgiche che bisbigliano di noi
del tempo che ci apparteneva,
dì quello che forse verrà…
Resta…per noi♡

Mamma, ti amo

Mi guardi in silenzio mentre i tuoi occhi parlano d’amore.
Mi sussurri spesso: ” Mamma, ti amo”.
Ed io ti accarezzo con le parole e i baci…
Per sentirti al riparo, afferri con le tue delicate manine le mie
Ce le stringiamo, le annodiamo
per dirci ancora “TI AMO” … all’infinito
perché io e te siamo INFINITO!
TI AMO, FIGLIO MIO …tu che indossi allegria e saggezza fin da quando eri in grembo
Tu che sei stato partorito con dolore nel tuo dolore, tu che non hai mai vacillato perché sei forza, la mia forza.
Tu sei equilibrio, il mio equilibrio.
Tu che sai ascoltare anche le mie parole taciute…mentre muovi le tue soffici palpebre.
Tu che sai raccontare cosa narrano le stelle anche di giorno
Allora teniamo strette queste mani e lasciamoci cullare soavemente dall’altalena della vita!
Danziamo tra morbidi sogni e realtà ricamate di dolcezza…
mentre io continuo a intonare per te canti d’amore

A ENRICO….il mio IMMENSO❤
Marinella Tumino@ — presso My Life.

Ci sono cose, ci sono piccole cose…

(…)Il tempo e le cose spesso sfuggono di mano. Ci sono cose che non avranno mai senso
perché non sarà possibile scoprirlo. Ci sono cose che devono rimanere così, senza tante spiegazioni, devono rimanere degli urli silenziosi nel cuore. Ci sono cose che forse non si capiranno mai o che non si vogliono capire. Ci sono cose, piccole cose, che rimangono nonostante tutto crolli, nonostante tutto sia instabile perché sono cose che così devono essere…
Da “La soffitta incantata” in “Trame d’inchiostro-racconti e oltre” di Marinella Tumino . Edizioni Kimerik 2015
#Mediterraneo #Faro #LuoghiMontalbano