Le baciava…

Le baciava i seni rigogliosi che avevano un buon sapore; percorse tutto il corpo che odorava di cannella. Pian piano scoprì, come fosse la prima volta, quella pelle diafana: era così fina e morbida che gli infondeva trepidazione anche solo a lambirla. Rimase poi a osservarla: un attimo, un minuto, un’eternità. Era perso, asservito, imprigionato. Un universo parallelo fatto di lei, della sua pelle, dalla sua fragranza . La strinse sempre più forte a sé perché voleva perdersi in lei. Affondò il viso nella cavità del collo che riusciva a evocargli il gusto del peccato, sussurrandole parole mute tra i capelli. Lei lo percepì. E la sua carne rispose. Lo stringeva con delicatezza, aveva cinto le sue gambe al corpo di lui e, come un angelo fluttuante nella stanza, provava a vivere ogni singola emozione.(…)
(Da “Scirocco” in “Trame d’inchiostro. Racconti e oltre” di Marinella Tumino, Kimerik Edizioni. 2015)

http://www.kimerik.it/SchedaProdotto.asp?Id=1940
http://www.kimerik.it/SchedaProdotto.asp?Id=1955

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.