Raccontami di te

Nell’ammaliante atmosfera del nostro Castello, una serata all’insegna della bellezza e delle Arti. Fusione di parole con pennellate di colori accompagnate da indimenticabili note musicali.

Raccontamidite I edizione: strepitoso successo!

E io c’ero con il mio racconto dedicato a i miei figli, Lorenzo ed Enrico, SE POTESSI, FERMEREI IL TEMPO
🌸 Emozioni multisensoriali 🌸

Grazie a #MALÌA per questa singolare iniziativa culturale,
a Debhorah Di Rosa e Salvo Garipoli per la passione che ci hanno messo in questo progetto e che ci hanno intensamente trasmesso,
al pittore Mario Occhipinti per il bellissimo dipinto ispirato alla mia opera,
a Michele Arezzo per la profondità delle sue parole tramate da ironia che vanno dritte al cuore,
al violinista Daniele Ricca che ci ha incantati con le sue magiche note.
E alla mia carissima amica Luana Pluchino che dopo questo prezioso momento di condivisione è diventata anche compagna di una meravigliosa avventura: fabbricare parole ed emozioni.
E alla mia splendida FAMIGLIA che mi sostiene e segue amorevolmente
Ad maiora a tutti noi❣️

Grata alla vita, sempre💖

Facebooktwitterlinkedinmail

Pirandello nel suo labirinto

Stasera secondo appuntamento sotto le stelle nel parco archeologico di Kaukana🌟
Nel nostro salotto letterario io e Ruben Ricca (regista e autore di fama internazionale) abbiamo conversato su Pirandello.
🌸 Grazie a tutti i partecipanti e a UNITRÈ DI S. Croce Camerina 🌸

~ Evento organizzato da UNITRE S. CROCE
CAMERINA ~

Facebooktwitterlinkedinmail

Penne Festival delle Arti 2022 : 2° classificato L’URLO DEL DANUBIO

Giunta direttamente dalla Sicilia, ho vissuto forti emozioni al Penne Festival delle Arti 2022 in cui il mio “figlio di carta” L’URLO DEL DANUBIO, Operaincertaeditore si è classificato al 2* posto nella sezione Narrativa Edita. L’opera è frutto di studi e ricerca personale nel campo della Shoah; è un viaggio in treno in cui il lettore è invitato a salire per percorrere i binari della memoria storica e fermarsi in determinate stazioni per conoscere i luoghi della disumanità, per riflettere su ció che è stato e quindi per evitare che siffatte tragedie possano ripetersi ancora. Mai piú! Ne plus Jamais, come recita il monito che sovrasta i cancelli di Dachau. Un grazie speciale va a ciascun giurato che con grande professionalità ha dovuto svolgere un lavoro intenso e impegnativo, alla presidentessa della giuria Vittorina Castellano alla quale auguro una rapida guarigione, al presidente della pro-loco di Penne Gabriele Vallante.Il mio premio l’ho dedicato a una figlia e cittadina di Penne che purtroppo non è piú con noi: alla mia cara amica Valentina Zucchetti 💖Infinitamente grata 🌹Marinella Tumino

Facebooktwitterlinkedinmail

LA MAGIA NELL’UNIVERSO DI GARCIA MARQUEZ

10 AGOSTO 2020: Atmosfera magica al Parco Archeologico di Kaukana dove io e Ruben Ricca, regista e autore, nel nostro “salotto letterario” abbiamo conversato di Gabriel Garcia Marquez e del Realismo magico. Un grazie speciale va al pubblico attento e curioso, all’Unitrè di Santa Croce Camerina e alla sua presidente Maria Rosa Vitale, a Eva Fidone che ha magistralmente condotto la serata e a Giovanni Zisa e alle melodie che ci ha regalato.

Facebooktwitterlinkedinmail

TRAME D’INCHIOSTRO: VOCI DI DONNE

Serata magica, quella del 5 luglio sera, organizzata magistralmente dall’associazione CREAZIONE GIOVANE, in seno a CAT, e condivisa con un pubblico attento e curioso. Con Ismael Giovanni Scribano (presidente dell’Associazione)abbiamo parlato di DONNE e delle mie DONNE protagoniste dei racconti contenuti nella mia opera TRAME D’INCHIOSTRO, Kimerik Edizioni, affrontando tematiche e temi significativi. Le letture, che hanno suscitato forti emozioni, sono state a cura dei bravissimi Matteo Bracchitta e Federica Busceglia. Ringrazio tutti i giovani dell’Associazione per la splendida serata e tutti i meravigliosi partecipanti, vecchie e nuove connessioni umane. Grata, sempre💗

Facebooktwitterlinkedinmail

“Ai piani bassi”: dopo la lettura, ecco la recensione.

Ai piani bassi di Margaret Powell (Einaudi, 2012 e 2022) è un libro scorrevole, interessante, davvero evocativo ed esplicativo del mondo aristocratico inglese di inizio Novecento. E’ un documento unico, diventato subito un caso editoriale. Ed è proprio da questo testo che i creatori della famosissima e amatissima serie tv Downton Abbey si sono ispirati per ricreare l’atmosfera di quei tempi.

Il racconto è fatto in prima persona dalla stessa autrice che narra la sua personale esperienza come cuoca a servizio delle famiglie aristocratiche inglesi negli anni Trenta del ‘900, dei loro sfolgoranti salotti, dei domestici che lavorano a servizio, dei pettegolezzi. Si tratta di vere e proprie memorie della donna che ci racconta il mondo di “noi” (relegati ai piani bassi, bui e con poca aria) e  di “loro” (allocati ai piani alti, luminosi e aerati delle loro dimore). Il racconto inizia con la descrizione di un’infanzia povera, una giovinezza caratterizzata da faticoso lavoro fino a un’età adulta di riscatto attraverso lo studio e la cultura. La vita della narratrice si sofferma in particolar modo ai suoi impieghi presso le grandi case aristocratiche che avevano la servitù. E, poi, che cibi, che pizzi, che tovaglie, che suppellettili!

 Il tono è piuttosto pacato, quotidiano, talvolta ironico, e riporta all’epoca fatta di sfarzo, opulenza ed esagerazioni nella vita dei ricchi e di freddo e poco cibo nella vita della povera gente. E il cibo, abbondante o mancante, è senz’altro la costante del libro.

Un mondo nettamente diviso in due, Ai piani bassi è il resoconto puntuale delle vicissitudini di Margaret Langley Powell che inizia la sua carriera di donna di servizio, come sguattera, dai gradini più bassi. E’ proprio dai gradini che inizia la faticosissima giornata della serva, costretta a pulire le scale davanti al portone d’ingresso della dimora dei suoi padroni con la pomice, col sedere all’insù, costretta a sopportare anche gli apprezzamenti poco cortesi degli uomini di passaggio. Si occupa poi, di lucidare a dovere il pomello della porta, di fare le pulizie accurate della cucina e di preparare la colazione per la servitù. Dopodiché la sguattera rimane a completa disposizione della cuoca.

La quantità e la qualità delle materie prime che passano per le cucine è sorprendente. Ogni ricetta, ogni piatto, richiede preparazioni impegnative e cotture lunghe: brasati, arrosti o carne caramellata, ma pure zuppe di pomodoro o di funghi avevano tempi di preparazione abbastanza complessi. E poi una rassegna di aringhe, salmoni, capponi, selvaggina che si lasciava frollare per settimane. Intingoli grassi, dessert dolci o salati che andavano serviti dopo le infinite portate.

Le vicende sono raccontate senza cattiveria, ma con un pizzico di amarezza, infatti ci si accorge che i “noi” (le persone dei piani bassi, dove si trovavano le cucine, le dispense, le ghiacciaie e il salottino della servitù) sono molte volte vessati , quasi sempre sottopagati, trattati come persone invisibili dagli occupanti i piani alti che, non di rado, sono protagonisti di meschinità e intrighi, relazioni extraconiugali, comportamenti eticamente scorretti anche e soprattutto nei confronti della loro stessa servitù.

“Abbiamo avuto momenti felici, comunque, ed ero contenta di esser viva. Il servizio domestico fa capire tante cose e forse ispira a crearsi una vita migliore”.

Consigliato!

Facebooktwitterlinkedinmail

🌸Buona Pasqua di Rinascita e Pace🌸

🌺 AUGURI 🌺
Che sia una Pasqua serena e che possa donarci la speranza di un domani migliore, ricco di pace, fratellanza e solidarietà, combattendo per la salvezza del prossimo e contro i pregiudizi razziali, sociali e religiosi.
Auguri a tutti gli amici perché sia Resurrezione di veri valori ♡♡♡

MT@

Facebooktwitterlinkedinmail

La scuola, fucina di incontri

Dopo un’attenta lettura di MA NON AFFONDO di Aristide Barraud ( Operaincertaeditore 2021), sopravvissuto all’attentato del Bataclan del 2015, con i ragazzi di 2^ C abbiamo incontrato su Meet l’Autore che ci ha regalato tante belle emozioni, proprio come la lettura della sua Opera. Soddisfatta del lavoro dei miei studenti che hanno posto domande e fatto interventi pertinenti. LA SCUOLA SIAMO NOI😉 #lascuolachecipiace #lascuolasiamonoi #scuola #scuolasuperiore #teamdocenti #docenti #docentifelici #docentisenzafrontiere #docentidilettere

I selfie che ci piacciono!
Facebooktwitterlinkedinmail